Tag

, , , , , ,

20141019-164704.jpg

Questa volta sotto il titolo , ho messo una foto scattata da mio padre , con la sua mitica Leica , una volta che eravamo a caccia a San Antonio de Areco . ( 110 km a nord di Buenos Aires ).

Si tratta di tantissimi anni fa, anch’io avevo imparato a sparare e quello che ricordo , oltre al rinculo del fucile sulla spalla , e’ come stessi attenta che non ci fossero uccelli nelle vicinanze , quando toccava a me……

In quelle occasioni , andavamo anche a cavallo (“a pelo”) e mangiavamo l’ “asado con cuero”.
Alla fine tutti ci passavamo il mate , e tutti bevevamo dalla stessa “bombilla”……

Non volendo esagerare con i ricordi , passo ai “Bizcochitos de Heladera” , ricetta molto comune nelle cucina argentina.
(Poi dalla spiegazione si capirà perché si chiamano così)

Sono buoni , facili e ….nostalgici.

…………………………………………

150 gr di farina
150 gr di Maizena
150 gr di zucchero
200 gr di strutto
2 albumi d’uovo NON montati
Scorza di limone tritata

Impastare insieme tutti gli ingredienti , fino ad ottenere una pasta consistente ma morbida.
Avvolgerla in un telo e tenerla una notte in frigorifero ( heladera).

Dividere in due la pasta e farne due rotoli ( due salamini) uguali.
Affettarli a rotelle spesse 1 cm., e appoggiarle su carta da forno prima di infornarle in una teglia grande.

Forno a 180 gradi , per 20′ circa.

N.B. Lo strutto può essere sostituto dalla margarina , e la Maizena dalla fecola.
I tempi di cottura possono variare da forno a forno.

Annunci