Tag

, , , ,

20130404-181124.jpg

20130404-180736.jpg

20130404-180633.jpg

20130404-180221.jpg

Se nella stagione estiva la sua attrattiva e’ scontata _ la frescura , le imbarcazioni , le montagne verdi che si riflettono nelle sue acque , la luce dorata del tramonto , ecc. ecc. _ il suo fascino si accentua da novembre ad aprile , quando i monti sono in parte innevati e ci rimandano , specchiandosi nel suo bacino ,il classico paesaggio da cartolina…

E’situato sul versante meridionale delle Alpi , nel territorio in parte svizzero , Canton Ticino , e in parte italiano , fra lago Maggiore e lago di Como .

Tocca citta’ e paesi , piccoli e grandi .

Oltre confine , la bella Lugano , Melide , Morcote ,Bissone e la deliziosa Brusino , al piccolo valico omonimo.

Al valico internazionale , Ponte Tresa , che il ponte doganale divide da Lavena-Ponte Tresa , in Italia.

Campione , famosa per il suo Casino , che e’ un’ exclave nostra , in territorio svizzero , poi Porlezza ,centro turistico sul ramo nord del lago , e finalmente Porto Ceresio , in provincia di Varese……

Una caratteristica del luogo sono i Crotti ( specie di osterie ) che si susseguono lungo la costiera e dove lo chef e’ prevalentemente una energica massaia che ammannisce i suoi piatti genuini e ruspanti.

Non mancano mai il pesce di lago , arrostito o fritto , la polenta con i funghi trifolati , il coniglio in umido e tante altre specialità della zona.

Spostato un po’ all’interno , rispetto al lago , abbiamo scovato un ex Crotto , che e’ diventato il nostro ristorante preferito.    Una volta era nel bosco e si raccontano meraviglie di quel posto , ma , pur spostandosi , non ha perso nulla della buona cucina che l’ha reso famoso.

Adesso si chiama “Osteria della vecchia Arcisate” .                                                     Il loro “culatello” viene conservato in botti di vino bianco , per la stagionatura ; fanno in casa le grappe aromatizzate ed i sottoli ; i dolci , dai gelati alle frittelle , dallo zabaione al Tiramisu ‘ , sono preparati dalla padrona…….

Ci portiamo spesso i nostri amici , e siccome le porzioni sono molto abbondanti , quando rimane qualche pietanza , la sciura Pina ci prepara automaticamente la ” doggy bag”……

Così la sera stiamo di nuovo tutti insieme , a “godere” gli avanzi , come si dice in dialetto lombardo !

 

la ricetta dei funghi trifolati

Funghi porcini
Olio , aglio , prezzemolo tritato
Vino bianco secco o Cognac
Sale e pepe

Mondare accuratamente i funghi , e affettarli non troppo sottili.

In un tegame scaldare l’olio con qualche spicchio d’aglio e aggiungervi i porcini.

Salare e pepare , spruzzare col vino( o Cognac) , e lasciar cuocere coperto per qualche minuto.
Scoprire , abbassare la fiamma ,e continuare la cottura in modo che il liquido rilasciato dai funghi evapori in parte.
Prima di servire , cospargere di abbondante prezzemolo tritato , mescolare e lasciar riposare qualche minuto.

Si servono come condimento per le tagliatelle , per il risotto e…… la Polenta!