Adesso, e’ proprio inverno

Tag

, , ,

20141221-215318.jpg

20141221-215253.jpg

20141221-215153.jpg

20141221-214953.jpg

20141221-212327.jpg

20141221-212304.jpg

Col 21 , giorno del solstizio di inverno , il freddo e’arrivato.

Sono spuntati i giubbotti pesanti e i berretti , i guanti non si lasciano più a casa e per strada , quando si parla o si respira con la bocca , si fa la nuvoletta con il fiato…

(E pensare che quando vivevo in Centro America ho sentito più di una signora lamentarsi di non poter mai indossare neanche un “paltoncino” ogni tanto!)

Rene’ oggi ha fatto alcune fotografie che mi sembrano molto belle , a dimostrazione che anche questa stagione ha il suo fascino…..

Una Madrid “Navideña”…..

Tag

, ,

20141214-161358.jpg

L’albero di Natale a La Puerta del Sol

E’ stata una sorpresa , questo viaggio a Madrid , deciso li’ per li’ e quindi , ancora più gradito….

L’avevo già visitata parecchio tempo fa , ma allora il mio tour aveva privilegiato le visite ai musei ( meno il Thyssen che in quegli anni era ancora a Lugano…) e non avevo “vissuto” per niente , la città .

Quando il tempo per visitare un luogo e’ limitato , agli eventuali musei , io preferisco “la strada”, perche’ credo che il significato della parola cultura contempli anche il pulsare della citta’ , l’aspetto degli edifici e dei giardini , le abitudini e il carattere della gente , non solo l’arte.

Anche la visita a un supermercato dice molto sugli usi e i costumi degli abitanti ed e’sicuramente un modo per conoscerli meglio….

E’ bellissima , Madrid , maestosa ed elegante con strade e spazi enormi e moltissimo verde.
In questo periodo , e’ tutta addobbata per il natale , in plaza Mayor ci sono le caratteristiche bancarelle e di sera le strade sono illuminate in modo sontuoso.

La parte antica e’ affascinante , ma anche le nuove costruzioni armonizzano perfettamente con il resto , mantenendo quel carattere un po’ opulento che caratterizza tutta la città.

La gente che ho conosciuto e’ stata molto cordiale e vivace ; ho notato , rispetto a Milano , il loro modo di vestire più curato e più attento alla moda , sia da parte delle donne che degli uomini, e , nell’insieme , la loro gran gioia di vivere malgrado l’aria che tira………
( nota utile: dimenticavo di aggiungere , che i taxi costano molto meno che da noi…)

Il tempo e’ stato molto bello , i ristoranti che abbiamo frequentato ci hanno” sfamato” con piatti sublimi e , per noi nuovissimi, e ,insomma…..

…mi e’ rimasta una gran voglia di tornare!

(Le mie foto non sono quelle “tradizionali”, che si possono vedere su Wikipedia….
Ho ripreso quello che mi piaceva.)

20141215-145307.jpg

20141215-145441.jpg

20141215-145535.jpg

Plaza Mayor e le bancarelle di Natale

20141215-145945.jpg

20141215-150135.jpg

Street life , davanti a “El Corte Ingles”

20141215-150653.jpg

20141215-150754.jpg

Per gli acquisti , Calle Serrano e Calle Mayor

20141215-151419.jpg

Una vecchia pavimentazione

20141215-151800.jpg

20141215-152009.jpg

20141215-152301.jpg

20141215-152525.jpg

20141215-152727.jpg

Palazzi vecchi e nuovi

20141215-153211.jpg

20141215-153501.jpg

20141215-153651.jpg

La notte illuminata

20141215-225541.jpg

E una “cervecita” a tarda ora….

Terminal….

Tag

, , , ,

20141213-172719.jpg

Non mi riferisco all’omonimo film di Spielberg , ma al terminal 4 dell’aeroporto di Madrid , per altro molto bello , dove ieri abbiamo trascorso dieci ore di attesa , dovuto alla cancellazione dei voli per Milano .

(A Milano , infatti , era in atto uno sciopero generale che ovviamente coinvolgeva anche i controllori di volo , il personale aeroportuale ecc.)

La giornata era bellissima e attraverso le vetrate si poteva ammirare la Sierra , per il resto , ci si annoiava un po’ .

A furia di vederci camminare avanti e indietro i commessi dei duty-free ormai ci sorridevano e abbiamo fatto anche amicizia con un paio di ristoratori simpaticissimi.
Insomma , ci sentivamo come Tom Hanks , nel film.

L’aeroporto Adolfo Suárez , Madrid Barajas , che per estensione e’ considerato il piu grande del mondo , e’ molto moderno , con personale efficiente e molto professionale.

Partendo qualche giorno prima da Malpensa avevo creduto fossero state allentate le misure di sicurezza da far osservare ai viaggiatori perche’ , una volta depositati i cappotti , le borse e gli oggetti metallici sugli appositi tapis-roulant , ci avevano fatto ricuperare velocemente i nostri effetti e fatto imbarcare senza ulteriori controlli .

A Madrid , invece , ogni passeggero , dopo essersi tolto le scarpe , viene perquisito individualmente e il suo bagaglio passato al setaccio: a me , hanno sequestrato delle forbici , che neanche sapevo d’avere , da un necessaire in valigia ( e c’erano anche all’andata….)

Visto che ci sono delle regole da rispettare , ritengo più corretto questo comportamento che non quello italiano.

C’è tanto da osservare in un aeroporto:
Dall’efficienza degli operatori , al tipo di servizi a disposizione , al flusso ininterrotto dei passeggeri, la cui provenienza e’ facilmente deducibile dal vestiario che indossano….
Ieri c’erano delle boliviane con poncho e “bombetta” , delle ragazze brasiliane che parevano pronte per la piscina , e un numero impressionante di bambini tutti belli e “normali” , a parte le due bimbe italiane che sembravano uscite dalle pagine di Vogue International….

Ovviamente avrei preferito impiegare quelle dieci ore a visitare più approfonditamente Madrid , invece di passeggiare su e giù con bagaglio appresso , o di stare appollaiata sulle dure sedie dell’aeroporto , ma alla fine e’ andato tutto bene e…”All’s well , what ends well ” , come diceva anche Shakespeare ….

20141213-173054.jpg

20141213-173244.jpg

20141213-173407.jpg

20141213-173547.jpg

20141213-173708.jpg

Natale e l’anno che finisce…( con relativo calendario).

Tag

, , , , , ,

20141204-235732.jpg

Quest’anno non riesco a convincermi che siamo vicini a Natale .
Sara’ perche’ gli alberi sono ancora coperti di foglie gialle e perche’ non fa molto freddo , ma in piu’ho scoperto che mi sono affezionata a questo 2014 e che mi dispiace che sia agli sgoccioli …..

E’stato l’anno in cui mi sono rimessa in salute dopo un bruttissimo 2013 , e in cui ho sperimentato che non si apprezza mai abbastanza qualcosa , fino a quando non la si sta per perdere…..
L’anno in cui , la persona che ho vicino , mi e’ stata ancora più vicina e mi ha aiutato a guarire….
L’anno in cui ho acquisito maggior consapevolezza di tutto cio’ che ho , e ho deciso di non lamentarmi per quello che mi manca….

Passeremo Natale senza bambini da coccolare , ma Rene’ed io faremo le “chiocce” , godendoci i nostri figli grandi , tutti ospiti di Martina…..
( a proposito , grazie, Marty!)

Qualche ricordo di quest’anno:

20141204-142553.jpg

Gennaio : una nevicata a San Fermo

20141204-143217.jpg

Febbraio : Carnevale a Torno

20141204-143650.jpg

Marzo : una bella vacanza sul lago

20141204-143950.jpg

Aprile : Matrimonio di Elena e Mau

20141204-144237.jpg

Maggio : Viaggio in Irlanda

20141204-144631.jpg

Giugno : Matrimonio di Silvia e Francesco

20141204-144924.jpg

Luglio : Laurea di Margherita

20141204-145411.jpg

Agosto : Tutto a San Fermo!

20141204-145757.jpg

Settembre : Nei parchi di Milano

20141204-145943.jpg

Ottobre : Foglie rosse

20141204-150141.jpg

Novembre : Rose alla finestra….

20141204-150336.jpg

Dicembre : Ancora rose!

Happy Birthday, Martina…

Tag

, ,

20141125-104601.jpg

…Happy Birthday , to you!

Per te , una ricetta facile e buonissima…..

torta salata , di crêpes farcite

Preparare una trentina di crêpes , con il solito metodo conosciuto mondialmente …..e , su vari piattini , tanti ripieni , per farcirle . Più sono , e migliore sarà la riuscita della ricetta

Qualche idea per le farciture:

Tonno in scatola , capperi, maionese , qualche goccia di limone. *(Schiacciare con la forchetta e amalgamare bene o tritare , se e’ il caso)

Caprino,aglio ,prezzemolo*

Ricotta fresca e prosciutto cotto *

Uovo sodo, olive sminuzzate, olio evo*

Speck e cetriolini sott’aceto*

Salmone affumicato e burro ( o margarina)*

Sardine sottolio e cipolline *

Crescenza e (poco) pepe*

Parmigiano grattugiato , un po’d’olio ed erbe aromatiche fresche .*

Maionese e cetriolini*

Pesto

Salse pronte a piacere….

(Naturalmente si possono alternare più volte le stesse farciture)

Scegliere un recipiente piuttosto alto , del diametro delle crêpes .
Ungere l’interno con un po’ d’olio , e cominciare a depositare sul fondo una prima crêpe , spalmarla con una delle farcie , coprire con un’altra crêpe , farcirla , e via di seguito fino ad esaurire tutte le frittatine

Coprire con carta oleata , e appoggiarvi sopra un peso , per compattare ed eliminare vuoti d’aria.

Mettere in frigo per almeno 8 ore , infine capovolgere il contenitore su un piatto da portata e sformare la “torta”
Con un coltello affilato tagliarla a fette man mano che si serve ai commensali…

Si può decorare con sottaceti , o con insalata fresca o con cubetti di gelatina…..

20141125-130559.jpg……..

per te ho messo una candelina, sulle crêpes !

“Vestivamo alla marinara”….

Tag

, , , , ,

20141124-112055.jpg

All’epoca , ai bambini si faceva indossare l’abito alla marinara e non sfuggirono a quella sorte , il papà e lo zio Gianni.

Dopo il terremoto calabro-siculo del 1908 , il nonno si era trasferito con la sua impresa a Reggio Calabria per la ricostruzione.
Nella foto sovraesposta lo si vede con moglie e figli , sul Ferry che faceva servizio nello stretto di Messina.
( notizie sull’altra signora del gruppo: non pervenute)

20141124-112226.jpg

20141124-112353.jpg

La nonna con i suoi due marinaretti

20141124-113104.jpg

La nonna e il nonno appena sposati , con le zie Luigia e Maria.
(La zia Luigia l’ho conosciuta anch’io)

20141124-114627.jpg

La zia Ester che non si era mai sposata e che raccontava bellissime favole…

Mi ha sempre incuriosito la moda di allora , anche se certe “mise” mi sono sempre sembrate un po’ buffe….
Come in questa fotografia della nonna in montagna :

20141124-120503.jpg

Mentre mi e’ sempre piaciuta tantissimo , quest’altra della mamma vestita da spiaggia

20141124-120858.jpg

Infine i cuginetti

20141124-121149.jpg

Massimo , dopo il bagno

20141124-121340.jpg

Ada e Nicola , in posa

20141124-121537.jpg

e con il loro papà , Luigi

Primo ‘novecento

Tag

, , , , , , ,

20141117-214157.jpg

Ho davanti a me , l’ultima scatola di vecchie fotografie che stavo mettendo in ordine…
Non ci sono istantanee , ma ritratti accuratamente concertati , con pose , luci , e atteggiamenti certamente suggeriti dal fotografo.
Alcuni sono montati su cartoncino e corredati di fregi in oro : farsi ritrarre doveva costituire un piccolo lusso in quei tempi.

Sono tutti di principio secolo ( ventesimo, ovvio) e mi sembrano interessanti…

Delle persone fotografate , conosco la storia di Adelaide che a diciotto anni era diventata maestra elementare.
La famiglia non le permetteva di accettare un incarico di insegnante in un’altra città e lei aspetto’ il ventunesimo compleanno ( cioè , la maggiore età di allora) per andarsene di casa , con grande scandalo del parentado e del paese intero.
Sposo ‘ un collega ,e solo dopo il primo bambino riuscì a riappacificarsi con la famiglia.

Dalle giovani leve di allora fu presa a modello, come un’eroina da imitare , mentre la categoria genitori , per anni , evito’ anche solo di pronunciare il suo nome!

La bambina con l’abito della prima comunione , da grande ando’ in Eritrea , come suora missionaria , invece , il bel neonato grassottello era il mio papa’….

Ruggero e Celeste misero al mondo un’altro figlio dopo questa fotografia , ma ignoro il nome di tutti e tre i bambini…..

Ne avrei altri di ritratti …., ma li tengo per un prossimo post.

20141117-214549.jpg

20141118-101033.jpg

20141118-101219.jpg

20141118-101401.jpg

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 138 follower